lunedì 24 settembre 2012

Ossola: 'Zona franca montana'


http://bendottigermano.blogspot.it/2012/09/ossola-zona-franca-montana-regionale_15.html

trovato il 24/Set/2012

Ossola: 'Zona franca montana'

Germano Bendotti

Nel dibattito sulla riorganizzazione degli enti locali mi pregio formulare  questa proposta, che necessita di approfondimento, ma oltre ragionevole dubbio puo’ essere sviluppata in ambito regionale. Molti paesi e Regioni in Europa utilizzano questo strumento con risultati soddisfacenti,la stessa vicina confederazione elvetica , ha instaurato un sistema che incentiva gli investimenti in alcune zone, mi domando per quale  motivo che non possiamo farlo pure noi.
Considerato che risulta attualmente in itinere il dibattito , la riorganizzazione delle Province  potrebbe essere occasione per  inserire questa proposta , per dare continuita’  e rilanciare  temi che purtroppo ad oggi non siamo riusciti a concretizzare nonostante la cosidetta “specificita’ montana”  del nostro territorio, al proposito  ritengo importante che le zone montane da sempre indicate marginali ,con problematiche differenti e maggiormente preponderanti che altre realta’,(la nostra val d'ossola e' li a ricordare)  possano avere anch’esse  attenzione, pertanto risulta importante tentare di dare risposte che portino a realizzare progetti che possano essere toccati con mano ,proporre a queste aree misure importanti puo’ essere da volano per recuperare  quella credibilità oggi offuscata dal qualunquismo e dall’antipolitica diffusa, la realta’ ossolana nel nostro caso , se non incentivata e sorretta con un percorso alternativo  e differenziato all’interno di questa riforma temo possa  incontrare ulteriori difficolta’, la proposta di istituire UNA ZONA FRANCA MONTANA, nel territorio OSSOLANO  puo’ rilanciare le aspettative  , oltre che dare beneficio economico ,attrarre interesse ed essere volano anche per le  popolazioni del lago  maggiore ma non solo.
 Detto questo… “Molte zone montane  della nostra regione presentano fenomeni di marginalità e di crisi economica, di disagio sociale e di calo dell’occupazione, di spopolamento e di ineguaglianza di condizioni e opportunità rispetto alla maggior parte delle aree urbane e della pianura . Poiché l’impianto normativo comunitario e nazionale consente, in linea di principio, di prevedere l’istituzione di Zone Franche , sul modello delle Zone Franche Urbane e delle Zones de Revitalisation Rurale francesi, nelle quali prevedere agevolazioni fiscali e incentivi in grado di attrarre investimenti di capitale e sostenere le imprese, è necessario, di fronte alla crisi congiunturale che interessa anche ed in misura importante  le nostre montagne, si intervenga con strumenti nuovi ed efficaci  Propongo , quindi, con un percorso appropriato e la necessaria volonta’ politica di istituire in Piemonte  delle zone franche Montane e nello specifico anche nella Val d’ossola  ,Zone Franche Montane regionali per sostenere imprese e occupazione, per attrarre nuovi investimenti e per tutelare e rilanciare l’artigianato, il commercio di vicinato e agricoltura e la tradizione enogastronomica che rappresentano veri e propri “presidi sociali” da conservare”.

Nessun commento:

Posta un commento