Il Gal Laghi e Monti del Vco ha predisposto un manuale di indirizzo per il recupero del patrimonio edilizio esistente, dei beni di valenza etnoantropologica, e storico - architettonico – documentaria. Tale manuale è stato realizzato dal Professor arch. Giovanni Simonis, con l’obiettivo di realizzare uno strumento conoscitivo e metodologico per il recupero del patrimonio architettonico, il mantenimento e la salvaguardia dei valori culturali dei luoghi, tenendo conto della nuova area territoriale del GAL. Altro obiettivo che si è posto il manuale è quello di far superare la sporadicità e la frammentazione degli interventi già realizzati; nel contempo si propone di potenziare la fruibilità dei beni culturali da parte della popolazione e dei potenziali turisti attraverso l’inserimento, degli stessi beni, nei circuiti tematici e territoriali. Lo studio si propone di rendere agevoli, secondo gli standard attuali (condizioni igienico sanitarie, controllo termico, corretto utilizzo risorse energetiche, facilità di manutenzione, dotazione di servizi e attrezzature tecnologiche), le antiche abitazioni senza alterarne anzi, dove necessario, recuperandone la qualità architettonico ambientale e le caratteristiche specifiche, in una parola rispettando e valorizzando l’identità locale Il manuale suddivide il territorio del Gal in sette zone “tipologiche”, descrivendo per ciascuna di esse le tipologie costruttive esistenti e le modalità con cui devono essere realizzati gli interventi di recupero architettonico. Un aspetto importante da tenere in considerazione è il fatto che il manuale è propedeutico all'uscita di un bando (prevedibilmente entro i primi mesi del prossimo anno) che finanziera' interventi, operati da soggetti pubblici, per il recupero sul patrimonio architettonico sino al 70 % della spesa. Un requisito indispensabile per accedere al bando e' che il Comune che intende partecipare al bando sugli interventi strutturali recepisca all'interno del proprio regolamento edilizio il manuale del Gal. Il Gal per quest'ultimo bando ha un budget di contributo Leader pari a 300 mila euro.
macugnaga baite